Alcune informazioni utili a cura del Dottor. Luigi Zampacorta.

ECOGRAFIA TRANSVAGINALE
Contro il tumore del ovarico

A cosa serve:
Alla diagnosi precoce del tumore al ovarico.

Chi la deve fare:
L’ecografia transvaginale per il tumore dell’ovaia va fatta su
suggerimento del ginecologo.

Ogni quanto tempo va ripetuta:
Sotto i 40 anni va eseguita ogni volta che venga richiesta dal medico curante o dallo specialista.
Oltre i 40 anni va ripetuta ogni anno.

Come si svolge:
Esame semplice e innocuo, l’ecografia esplora la struttura dell’organo per mezzo di ultrasuoni. La densità incontrata dal fascio ultrasonoro viene riprodotta su uno schermo e la diagnosi di tumore, anche iniziale, può essere fatta con una considerevole affidabilità. Grazie a questo esame è quindi possibile studiare utero, ovaie ed annessi, e controllare la gravidanza nel primo trimestre o nel quadro di tecniche di riproduzione assistita.

L’ecografia transvaginale si basa sull’emissione di onde sonore ad elevata frequenza (non udibili dall’orecchio umano) da parte di una sonda inserita nella vagina; come in qualsiasi altro esame ecografico, le onde sonore emesse dall’apparecchio vengono in parte riflesse dai tessuti che incontrano, in relazione alla loro densità (fenomeno dell’eco). Le onde sonore così riflesse vengono captate dalla stessa sonda che le ha generate, ed elaborate da un calcolatore informatico per ricostruire immagini in tempo reale delle regioni anatomiche studiate.

Punti di attenzione:
Non ci sono particolari precauzioni da prendere, l’esame può essere fatto in qualunque momento previa chiamata e appuntamento nella nostra sede.

administratorEcografia